Articoli

, , ,

Brunori Sas, Vol. 1(0) – Cosa vuol dire essere cresciuta in questo decennio con Dario Brunori

Era il 2009 quando per la prima volta sulla scena musicale appariva un certo Brunori Sas: un nome emblematico ed immediatamente riconoscibile, certo, ma quello che l’ha sempre caratterizzato di più è stato il fatto di aver riportato il cantautorato all’interno del dibattito musicale nazionalpopolareDario Brunori (al secolo), calabrese di nascita e di cultura, è riuscito con i suoi testi profondi e allo stesso tempo delicati a farci riflettere sul quotidiano, sul nostro vissuto, sul sociale e (anche) sulla politica.

Dieci anni fa. A guardare indietro sembra un secolo, eppure è un arco temporale abbastanza breve. Dieci anni fa arrivava nelle nostre cuffie e nei nostri stereo quello che è il primo lavoro del cantautore calabrese, Volume 1, che oggi ha voluto lui stesso ricordare con un video (link: https://www.youtube.com/watch?v=lgpS3IT3RGI&feature=youtu.be) in cui il Darione nazionale ha intonato una delle sue canzoni più famose: Guardia ’82.

Guardia (Piemontese, ndr) non è altro che la località di mare in cui sono cristallizzati i ricordi, da quelli dell’infanzia a quelli della maturità passando per l’adolescenza: è un locus amoenus dove possiamo ritrovare noi stessi, anche a distanza di anni. Sembra proprio quello che ha voluto ricordarci Brunori con questo video: non dimenticare l’origine, l’inizio della propria avventura artistica, senza nostalgia, perché tanto altro ha da dirci (o meglio, lo spero).

Comunque sia, gli elementi del grande cantautore emergono già in questa opera prima, anche se non era scontato arrivare ai traguardi raggiunti, soprattutto tenendo conto del contesto in cui l’album è nato.

volume uno brunoriVol.Uno (copertina) Brunori Sas

In un 2009 fatto da giovani hipster (l’indie era ancora una nebulosa in via di espansione), Dario Brunori ha già 32 anni. Non aveva la barba, che fa molto cantautore; ammettiamolo, era uscito senza hype con due baffi sul viso, occhiali da pentapartito e look da impiegato provinciale,  ma con una semplice chitarra acustica ha saputo dare vita a una sublime rivoluzione linguistica, in un panorama italiano molto diverso da quello attuale. Infatti non tardano ad arrivare i primi riconoscimenti nazionali: Premio Ciampi come miglior disco d’esordio, Targa Tenco come miglior esordiente, 140 date in Italia, premio KeepOn come miglior live della stagione.

Il merito di Vol. 1 è stato quello di inserirsi autonomamente in un frangente di rinnovamento per la scena, insieme ai coetanei “Canzoni da spiaggia deturpata” di Vasco Brondi e “L’amore non è bello” di Dente. Tutti e tre cantautori. Tutti e tre nomi che hanno avuto un peso rilevante nella trasformazione della musica italiana.

La storia di Brunori era diversa rispetto a quella dei due colleghi: meno alternativo e sofisticato, più solare e popolare; Brunori Sas è proprio il cantautore che ha ripreso il senso popolare della musica, quello che identifica un genere (in questo caso cantautorale) che è potenzialmente per tutti. Quello di Dalla e Rino Gaetano, per intenderci.

Proprio la somiglianza con quest’ultimo, origini calabresi a parte, è stato parte integrante di un lungo post firmato TheGiornalisti datato 2012.

(link: https://www.facebook.com/thegiornalisti/posts/448311198543929)

Quella fu la svolta. La svolta che fece capire all’Italia degli anni 2010 che c’era bisogno di un cantautore, nel senso più nobile e popolare del termine.

Fu la svolta anche per me. Dodicenne, cresciuta con la grande tradizione cantautorale italiana, ma che non aveva in playlist nessun brano contemporaneo in lingua italiana.
Erano gli anni in cui, pur di non sentire il pop-smielato e la musica commerciale in circolazione, ero “costretta” a recuperare i grandi nomi del passato, soprattutto quelli dei gloriosi anni ’60 e ’70.
Stavo crescendo, maturando, e quei “compiti a casa” svolti in terra straniera, tanto mi aiutarono a capire la musica e i testi di chi, da lì a qualche anno, avrebbe occupato un posto rilevante nel mondo musicale italiano. Brunori è stato il secondo “amore”, per me. Il primo si chiamava Le Luci della Centrale Elettrica (alias Vasco Brondi), che lo scorso dicembre ha salutato le scene, ma questa è un’altra storia.

Dario Brunori, a differenza di Vasco, ha risvegliato in me una forte criticità e un forte sentimento alla vita “provinciale” che all’epoca conducevo. Era il cantautore della mia quotidianità, del profondo sud e dei paesi sconosciuti.  Era la colonna sonora dei primi momenti, delle prime scoperte e dei primi amori (questa volta veri). Era l’inizio di uno sviluppo critico ed emotivo che mi ha portato fino a qui, a come sono ora.

Lunga vita alla chitarra, alle parole vere e non scontate, alle piccole e semplici cose.
Lunga vita a Brunori Sas perché con lui a casa andrà (sempre) tutto bene.

 

-Lucilla Troiano

 

Nota del responsabile editoriale: Ringrazio Lucilla per aver scritto questo articolo con il cuore; Dario Brunori ha significato anche per me qualcosa di veramente importante (scrissi, poco più di un anno fa, l’articolo sul suo tour nei teatri): una compagnia musicale costante in questi anni (ho la discografia completa) e un infinito stimolo artistico che mi ha trasmesso la passione per la chitarra e per la buona musica in generale. Non mi dilungo perché è già stato detto molto e per spiegare adeguatamente Brunori servirebbe un libro, ma sentivo l’esigenza di unirmi agli auguri per i dieci anni di carriera di un grande esponente della musica cantautorale italiana dei tempi moderni. Nella speranza di poter commentare con altrettanto entusiasmo i secondi dieci anni di attività, concludo con un semplice quanto sentito “Grazie Dario”.

-Gabriele Russo

La ricerca non ha dato alcun esito positivo. Riprova inserendo altri termini

, ,

DISCMAN 2.0 – A Cuore Pesante

ha conquistato il mio cuore innamorato dell’amore, in cerca del povero principe azzurro che mi sopportasse… Adesso però ha smesso eh!

Space
Nella seconda stagione di Discman 2.0 ho deciso di spogliarmi davanti ai vostri occhi e di farvi realmente scoprire quello che ascolto ogni giorno della mia vita nonostante si siano rotti gli auricolari.
Finalmente, dopo anni di ascolti, ho dato un senso a quello che ho sempre fatto inconsapevolmente: ascoltare musica del secolo passato, dalla musica dance al cantautorato, dal rock’n’roll alla cumbia.
Ascoltando musica di gente per lo più morta o stagionata, mi sono resa conto che, nel marasma che è la musica a me contemporanea, mi sento di salvare all’incirca 10 nomi su 1000, di cui vi parlerò mentre il nuovo CD gira all’interno del Discman.
Space
Dieci su mille ce la fanno.
Space
Ed eccomi, dunque, a parlarvi di Riccardo Sinigallia.
Sinigallia, che i diversamente giovani ricorderanno nei Tiromancino, è un cantante a cui voler bene: due occhi chiari all’ingiù, piercing al sopracciglio ed un cespuglio di capelli ricci e scuri. Sarebbe la descrizione dell’uomo della mia vita, se non fosse che potrebbe benissimo essere, se non mio padre, mio zio.
Ricordo di averlo scoperto per la prima volta al festival di Sanremo, nel lontano 2014, anno dei Perturbazione e di Zibba: con “Prima di andare via” ha conquistato il mio cuore innamorato dell’amore, in cerca del povero principe azzurro che mi sopportasse… Adesso però ha smesso eh!
Space

È un disco timido e riservato, così come lo è l’autore: l’amico “sfigato” della comitiva

Space
Sebbene di lui non si abbiano molte tracce, è riuscito a far sapere a tutti che ha scritto un nuovo disco e che presto lo farà ascoltare in tutta Italia.
E così, il 14 settembre 2018 esce Ciao cuore: 9 tracce e una chitarra che non suona più la stessa musica.
Ad oggi, Sinigallia non è pop, nè alternativo, nè rock: Sinigallia è Sinigallia, e Ciao cuore non è un disco facile da comprendere, o almeno non lo è stato per me.
È un disco timido e riservato, così come lo è l’autore: l’amico “sfigato” della comitiva che si rivela quello più vero, con mille cose da dire ma che non ha mai il coraggio di fiatare, fino a quando non trova la persona giusta. E la pubblicazione dell’album descrive esattamente questo: l’arrivo della persona giusta che lo ha spinto a cantare di nuovo e non solo a produrre gli altri; lo ha spinto a mettersi in gioco, ad innovarsi e accantonare la chitarra acustica per dedicarsi ai suoni elettronici, ad essere aggiunto nuovamente nella playlist di Spotify “Indie Italia”… qui ci sarebbe molto da dire, ma non voglio tediarvi più di tanto.
Nonostante la voglia di mettersi in gioco, Ciao cuore rimane un disco ermetico, difficile da interpretare al primo ascolto ma anche dopo: un senso di insoddisfazione rimane nelle orecchie, perché senti di non aver capito tutto quello che aveva da dire.
Space
Gli spartiti e i testi di tutto l’album oscillano tra razionalità e filosofia, hanno la
capacità di far viaggiare la mente altrove e poi farla ritornare nella tua camera,
ricordandoti che le uniche dimensioni esistenti sono lo spazio e il tempo: quando mi interrompi a colpi di realtà.
Filosofia e ragione, un ossimoro, una guerra perpetua nel corso dei secoli: da una parte la filosofia che apre la mente e fa uscire dagli schemi, dall’altra la ragione, un treno che segue i binari e non deraglia mai; e, da un’altra parte ancora, le donne: che siano di destra con le unghie smaltate o che sia Dudù, all’interno dell’album passeggiano donne da una traccia all’altra, senza pensieri, leggere.
Donne anche sul palco, la sua donna sul palco: la compagna che da sempre è al suo fianco, che lo ha sostenuto sia con il basso che con il cuore, la stessa donna che guarda intensamente negli occhi mentre la chitarra suona: una sinfonia perfetta, colonna sonora dell’incontro di due cuori complementari, del mondo moderno in
equilibrio tra la pace e l’amore vero… “seh, ciao cuore!”
S

-Caterina Calicchio

Uno, Brunori e centomila

La prima vera esperienza teatrale di Dario Brunori, in arte Brunori SAS, si registra nel 2015 con Brunori Srl, una società a responsabilità limitata, a seguito del grande successo di Volume 3 – Il Cammino di Santiago in Taxi, spettacolo poliedrico tra musica e parole. A tre anni di distanza, con la definitiva consacrazione dell’album A casa tutto bene, il cantautore calabrese torna nei più grandi teatri d’Italia con Canzoni e Monologhi sull’incertezza, che ho avuto modo di apprezzare il 13 marzo nella magica cornice dell’Auditorium Parco della Musica in una delle due date romane (si replica il 10 aprile).

Chi conosce solo il Brunori cantautore potrebbe uscire sconvolto dalla sala, ma se si approfondisce meglio il personaggio nel suo complesso non ci si stupisce di nulla. Dario Brunori lo ribadisce e lo lascia trasparire in ogni intervista, da uomo “incerto” quale lui stesso ostenta di essere nelle sue canzoni deve fare da contraltare una persona semplice e ridanciana; è proprio questo contrasto che lo rende amato da un pubblico trasversale che va dai 20 agli 80 anni. Lo spettacolo in questione non fa eccezione e s’inserisce perfettamente nel percorso artistico intrapreso in questi anni.

Avendo purtroppo mancato l’appuntamento con la precedente performance teatrale, devo ammettere che la curiosità di vedere questo Brunori per me inedito era tanta, così com’erano alte le aspettative, per nulla deluse; visto il titolo dello spettacolo il rischio “mattone” era una possibilità concreta, ma non si diventa uno dei migliori cantautori in circolazione per caso. Con notevole padronanza della scena Brunori alterna le sue canzoni — che sono poesie, denunce, grida di speranza — a monologhi quasi irriverenti nei confronti del suo personaggio, che nell’immaginario comune dovrebbe corrispondere a tutt’altro; è lui stesso a giocare sulla pesantezza delle sue canzoni, invitando il pubblico a non assistere a troppi concerti per non scadere nel masochismo, e ciò che rende tutto credibile è la sua incredibile spontaneità. Il genere dal quale attinge per i suoi monologhi, che spezzano la parte musicale ogni 2/3 canzoni, è quello della stand-up comedy, anima nobile della comicità, stile con il quale si può abbracciare l’attualità anche nelle sue facce più amare, facendo ridere il pubblico ma invitandolo anche a riflettere: è il vestito perfetto per Brunori, che alterna fasi molto rilassate e ironiche ad altre più raffinate, dietro le quali si cela un mondo di contraddizioni che s’intrecciano e danno vita a sensazioni confuse. Il perfetto condimento è quell’accento cosentino che lo caratterizza nel parlato ma svanisce nel cantato, facendo sorgere nei suoi ascoltatori la domanda su chi sia veramente l’uomo di fronte a loro.

Il grande risultato dell’opera è senza dubbio quello di non aver sminuito né la parte musicale né quella teatrale. Le due facce dell’artista si sono mescolate perfettamente in uno spettacolo maturo e coerente nell’insieme, dinamico e coinvolgente. Non è facile risultare così credibili incarnando nella stessa serata più ruoli: c’è un Brunori cresciuto in questi anni di carriera, consapevole delle sue incertezze e forte dei suoi successi; un animale da palcoscenico profondamente rispettoso delle sue origini e mai snaturato nel proprio percorso; un uomo — e un artista — caratterizzato dalla sua terra e dal suo tempo, sospeso tra innovazione e tradizione, tra la voglia di restare e quella di scappare; è Lamezia Milano; è «un vecchio ragazzino dentro il corpo di un uomo», «da nonno Michele a mio nipote Francesco»; «un lupo della Sila tra i piccioni del Duomo». Brunori è tutto questo, ma fondamentalmente siamo noi; ogni essere umano è il frutto del percorso che intraprende.
Siamo così oggi e in questo luogo, non lo eravamo ieri e non lo saremo domani: siamo “Uno, Nessuno e Centomila”, e da qui Canzoni e Monologhi sull’Incertezza. La standing ovation finale viene da sé.

Merita una menzione l’opening act di Nerina Pallot accompagnata da Marc Ferguson, duo acustico dalle sonorità delicate e potenti allo stesso tempo, una scoperta piacevolissima che apre nel migliore dei modi un’altrettanto piacevolissima serata.

 

 

-Gabriele Russo.

Discman 2.0 – #6 L’articolo delle cose semplici

Nella tracklist nr. 6 del mio CD personale che continua a girare settimana dopo settimana, avrei potuto benissimo parlare del nuovo disco di Cosmo (che tanto per la cronaca è una bomba) ma sarebbe stato troppo scontato; avrei potuto parlare del nuovo pezzo super mina di Calcutta e invece no. Dato che oggi è il mio compleanno, ho deciso di farmi un regalo. Anzi, voglio fare a voi il più bel regalo di compleanno di sempre: voglio regalarvi Un mondo raro. “Ah, un mondo raro… ma vedi tu!” Direte voi. Vi fermo subito: non si tratta di un’utopia, né di una frase detta tra fidanzati, no. Un mondo raro è un disco, è un romanzo, è la più bella dichiarazione di amore che si possa fare a qualcuno: è l’encomio che Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata tutt’ora cantano in onore di Chavela Vargas.
Conoscendo già la versione spagnola di Concha Buika e Chucho Valdes, all’inizio ero abbastanza scettica e la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: «Madonna, vai a vedere che hanno fatto una versione alla “Ad ogni costo” di Vasco Rossi». Nemmeno due secondi dopo, però, ho capito che sarebbe stato uno dei miei cantanti preferiti a realizzare l’album e ho pensato che la vita potrebbe essere bella, ancora per poco.
Poi, il fatto che dal momento in cui ho messo le cuffie e ho spinto play, non ho più ben capito dov’è che mi trovavo, se a Roma, in Sicilia o in Messico, ne è stata la conferma. Non mi credete? Allora fate così: passate a prendere (sempre se ne avete voglia, eh) quella persona che di solito, di un discorso, riesce a capire le virgole e le pause e non i messaggi schietti e precisi… per capirci, quella persona con una testa leggera che vive di cose semplici, come cantare per la strada perché il sole le mette allegria (ogni riferimento è puramente casuale); cercate l’album, chiudete gli occhi e fatelo partire… O forse, prima premete play e poi chiudete gli occhi, meglio. Ah, visto che ci siete procuratevi anche una bottiglia di tequila, perché con la tequila è sempre tutto più bello.
Ora, immaginate di trovarvi in Messico… o in una città in Sicilia… o per i vicoli di Roma in preda al caos più totale: insomma, mentre state camminando ignari di tutto in questo luogo ibrido della vostra testa, vi accorgete che nell’aria risuonano una chitarra classica e parole come:

“Però ormai ti amo
e non c’è rimedio
e se resti con me è per amore
non capisco la storia delle classi sociali
se anche tu mi vuoi bene
come io a te.”

Bene: se avete seguito le mie istruzioni per l’ascolto, adesso sarete quasi sicuramente ubriachi ma anche innamorati e, soprattutto, starete pensando che il Messico non è solo Frida Kahlo, un sombrero o la meta dopo un salto della quaglia riuscito male. Per questo motivo, starete immaginando di aver messo in moto e di dirigervi verso l’agenzia viaggi di fiducia per prenotare il biglietto aereo che vi cambierà la vita. Ora, per carità, se avete 615 euro in tasca da spendere, io son contenta per voi… ma non è necessario, o almeno non in questo momento. Non è necessario attraversare un oceano intero per scoprire che le cose semplici sono qui a Roma, sono lì in Puglia… sono dove le cercate.
Di Martino, Cammarata e le chitarre dei Macorinos registrate nel “nuovo mondo” sono stati necessari per riscoprire una grande artista, per scoprire che un mundo raro è anche la Sicilia dei pupi, dei feticci e delle leggende, è una donna che piange, è adorare essere amico dei ladri: un mundo raro è tutto quello che avete sempre avuto davanti ma che non avete mai considerato degno di attenzioni.
Ora, è molto strano da spiegare perché in realtà non ha molto senso quello che sto per dirvi, perché si tratta di una traduzione e io, di solito, le traduzioni non le considero molto (deformazione professionale) ma ho amato questo album per un motivo in particolare: i testi. Sembrano pensati in italiano, sembrano descrivere esattamente il sud Italia e i suoi racconti, piuttosto che il Messico. Vi parlo del sud Italia perché è da lì che vengo, ma le storie, la necessità di fuga e di pensare a qualcuno per poter piangere un po’ è la stessa al centro, al nord o dove cazzarola vi pare.
E penso che questa cosa qua, abbia un qualcosa di veramente magico.

Adesso, aprite pure gli occhi, e questa volta, fatelo sul serio.

 

 

-Caterina Calicchio.

DISCMAN 2.0 – #5 Vorrei essere te così poi (non) m’ammazzerei

(tutti i CD che volete , a portata di orecchie.)


Ciao, lui è Giancane e non è un cantautore di merda.
Ciao, sono Caterina e io invece forse lo sono un po’, un “omm e’ merd”: mi son fatta trasportare da panettoni, pranzi chilometrici e tombole (fatelo voi un Natale al sud!) e mi son ridotta al 4 gennaio per finire tutto ciò.
Però eccomi qui, ce l’ho fatta.
È stata davvero un’impresa intervistarlo, bisogna dirlo: tra il traffico della capitale e un parcheggio che non si trova, un’intera classe di arabo che mi ascolta mentre parlo al telefono, buste di taralli promesse e scivolate nel corridoio…  però ne è valsa la pena.
Che lo chiamiate Giancarlo, Cangiarlo, Giancane o Piersilvio (ecco, magari Piersilvio proprio no) è poco rilevante: lo amereste comunque dopo aver ascoltato l’ultimo capolavoro pubblicato a novembre, “Ansia e disagio”… ragazzi, ha dedicato un pezzo a una splendida bionda in bottiglia, ma che ve lo dico a fare!
Giancane appartiene a quella categoria di cantautori che prima di tutto è consapevole di essere un ragazzo comune, che canta di quello che pensa, di quello che vede, senza utilizzare filtri. Mi azzardo a chiamarlo verismo cantautorale, o anche Giancanismo. Si tratta di un cantautorato-verità  in cui non si deve né “reimparare a camminare” perché la ragazza t’ha lasciato, né tanto meno “ricordarsi dello zucchero filato”. Il bello è proprio questo: riconoscere una Roma, quella di Ansia e Disagio, veritiera e senza fronzoli. Una Roma piena di disagio, piena di bambini che strillano perché i genitori non riescono a contenerli, una Roma piena di fascisti e un Giancane che ci sta dentro e che la racconta nel bene e, soprattutto, nel suo bellissimo male.
E tra sottilette e limoni, l’ipocondria e la Peroni mando voi in avanscoperta verso quel fantastico rebus che è l’album.
Buona lettura.

Come prima domanda: ti senti più Giancarlo o Giancane? E chi è Giancarlo e chi Giancane?

Praticamente sono la stessa cosa. Con Giancane mi sento meno finto, ho meno filtri che nella vita normale: quando canto non mi pongo limiti, mentre nella vita di Giancarlo sì […che alla fine, dovrebbe essere il contrario… O no?] Beh in realtà sì, forse sì… Solo che non so perché ma con me funziona in maniera inversa, funziono forse in maniera inversa.

Volevo chiederti, invece, che ti è successo? Sei passato dallo scorso album “Una vita al top” a questo che si chiama “Ansia e disagio”… Anche se non si parla tanto di una vita al top, perché questo cambio di rotta?

No, infatti, era il contrasto… Una vita al top per dire “Una vita di merda”, però “di merda” sembrava brutto. Diciamo che a un certo punto abuso di questo termine ma perché suona bene e rende molto l’idea. Quindi in realtà è tutto collegato: se si ascoltano entrambi gli album attaccati, più o meno hanno un senso.

Invece, perché un cruciverba come copertina dell’album?

Sì, beh perché in tour li facciamo sempre, compriamo sempre la Settimana enigmistica, in furgone ci passiamo il tempo. Poi mi piace fare le grafiche riconoscibili dei dischi, cioè che prendano spunto da quello che poi è un qualcosa che viviamo. Per esempio, le sottilette perché erano l’unica cosa che avevo nel frigo mentre registravo lo scorso album, e la Settimana Enigmistica che continuiamo a fare. Nel libretto dell’album, a parte il cruciverba, ci sono tutti i giochi [ma le parole invece? Io pensavo fossero i titoli delle canzoni, invece no…]. No, sono collegate ai testi, testi nuovi e testi vecchi, cose che succedono nella vita quotidiana e ogni gioco nel libretto è riferito ad un pezzo: è tutto un collegamento strano che ho voluto creare per non scrivere il classico testo, fare giocare per arrivare ad un punto. Al testo, ecco.>>

In riferimento a “Vorrei essere te”, ti chiedo appunto: come chi vorresti essere?

Beh dipende, perché lì poi mi ammazzo… come voglio essere in maniera positiva o negativa? [in maniera positiva dai… anzi, anche negativa]. Per la parte positiva, preferisco accontentarmi di quello che c’ho, quindi facciamo me stesso. Per la parte negativa, beh, puoi tagliare un sacco di rami secchi in questo modo… ci devo riflettere, andiamo avanti e intanto ci penso.

In ambito musicale, invece, a chi ti ispiri?

Diciamo che gli ascolti sono molto vari, per esempio ieri sera stavo ascoltando Tiziano Ferro. Faccio dischi per gli altri, il mio vero lavoro è fare il produttore, quindi ascolto un mare di musica, dalla più brutta alla più bella. In questo senso, il disco vecchio era leggermente più folk a livello sonoro… Poi, non è che è cambiato tanto, in realtà è folk anche l’altro ma c’è più elettronica. Diciamo che il primo disco aveva un approccio un po’ più irish, penso io, per come me lo ricordo, ecco. Questo qui invece, sempre un po’ irish ma va più verso l’elettronica, verso il cazzeggio, mi è venuto molto spontaneo, diciamo: lì ero proprio da solo, in questo no.

Bene, sai che faccio parte del giornale universitario di Roma Tre; non so se ti è giunta voce dell’incontro organizzato nella nostra università da persone riconducibili a CasaPound nel mese di dicembre. Visto che nel tuo album è presente “Adotta un fascista”, nata da una puntata del Webshow Kahbum, vorrei da te 3 motivi per adottare un fascista.

Non ci sono […per aiutarli  ,dai]. Per aiutarli, sì. Il brano è nato in una situazione particolare, 90 minuti con un tema che in questo caso era Adotta un fascista; noi abbiamo ribaltato il tutto, abbiamo pensato alla cosa che potrebbe dare più fastidio ad un fascista ed è l’essere omosessuale, quindi magari, essere adottato da un omosessuale potrebbe raddrizzargli il cervello, credo. È un consiglio.

Prima hai parlato di Folk, irish e, visto che in quest’ultimo lavoro c’è un po’ di Muro del Canto, c’è un assolo rock dedicato ad una splendida bionda, la Peroni da 66 e c’è anche (almeno io l’ho sentito) l’inizio di Redemption Song di Bob Marley in Hogan blu, volevo chiederti: dove ti collochi nella scena musicale romana?

Oh mamma. E questa è una bella domanda. Più o meno nel cantautorato per forza, però non mi piace come etichetta; l’approccio live è molto più
Old School punk-rock, però il disco non lo è. È un ibrido strano, mi colloco in mezzo tra il folk, il pop e punk… Non so come possa etichettare questa cosa. Poi, i pezzi sono molto variegati, un po’ la Peroni, un po’ pezzi dance… Diciamo che non mi sono posto dei limiti, quindi pure un’etichetta non te la saprei dare: comunque cantautorato, dai.

Hai riflettuto sulla domanda di prima?

Come chi vorrei essere per essere ucciso? Ci sto ancora pensando, cavolo, però non mi viene.  Ne possiamo pescare uno a caso nei testi… Forse come chi indossa le Hogan in generale.

Un’ultima domanda e poi ti lascio: visto che siamo al 20 di dicembre, la domanda casca a fagiolo: come ti stai preparando al compleanno di Gesù? Come l’affronti?

Guarda, vado a suonare. Saremo in tour. La parte della famiglia ce la teniamo per il Natale e poi partiamo. Ma non è che senta molto questa festività, in genere. Però, le classiche cose: cenone, poi il giorno dopo sono a casa di amici e il 26 suoniamo. Saremo in tour fino a… Boh, per un anno, immagino. Sarà un bel periodo.

 

 

 

-Caterina Calicchio.