,

Roma In Mostra: Da Monet a Hokusai, l’autunno dell’arte a Roma

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Mostra di Monet, Complesso del Vittoriano)

 

L’autunno di Roma porta in città nuovi colori e nuove mostre d’arte e di fotografia imperdibili, alcune delle quali si protrarranno fino all’anno nuovo che possiamo dire, è ormai alle porte.
Dal mese di Ottobre troviamo infatti, dislocati tra i vari complessi e musei della città, innumerevoli stili ed espressioni artistiche che variano dall’impressionismo di Monet all’eclettismo di Hokusai.
Il primo, con sessanta opere esposte all’interno del Complesso del Vittoriano, ci trascina nel suo mondo di sensazioni “all’aperto” fatto non di dettagli ma di insieme, di realtà ma sempre vista e filtrata attraverso i suoi occhi, dei giochi di colori, luci ed ombre che rendono inconfondibile il suo stile. La mostra rappresenta un vero e proprio viaggio nel percorso artistico del pittore, dai primi lavori della sua carriera, le caricature, a quelli che hanno caratterizzato la pittura dei suoi ultimi anni di vita, i paesaggi e le celebri ninfee. È visitabile dal 19 ottobre di quest’anno sino all’11 febbraio del 2018 ed è a pagamento.
La mostra “Hokusai. Sulle orme del Maestro” raccoglie duecento opere che con la loro raffinatezza ed eleganza, insegnano ad approfondire ed apprezzare il particolare stile delle xilografie anche a chi non se ne intende. La sua versatilità e la sua costante spinta verso il cambiamento e il miglioramento di sé rendono i lavori dell’artista stimolanti e caratteristici al tempo stesso. Nonostante le sue rappresentazioni varino dai paesaggi (particolarmente famosi quelli che ritraggono il monte Fuji) ai manga, alle donne giapponesi, fanno da filo conduttore all’intera esposizione la minuziosità dei dettagli, l’eleganza e la profondità d’espressione tipiche del “maestro”. Maestro che, per l’appunto, trascina dietro di sé vari seguaci che si sono ispirati al suo stile e che possono anch’essi essere ammirati e confrontati tra loro all’interno della mostra.
Ospitata all’interno dello spazio espositivo del Museo dell’Ara Pacis ed anch’essa a pagamento, è visitabile dal 12 Ottobre 2017 al 14 Gennaio del 2018. Perciò, avanti, avete ancora tempo per farvi avvolgere dalla “Grande Onda”!
Nella lista delle mostre non mancano poi quelle fotografiche, tra le quali troviamo l’interessante lavoro di denuncia “Ti racconto la mia storia” di vari fotografi sulle atroci violenze subite da bambini e ragazzi appena adolescenti di alcuni paesi dell’America Latina.
Il progetto mira a sensibilizzare chi avrà modo di andare a visitare la mostra, questa volta ad ingresso gratuito, riguardo al tema dell’immigrazione ed in particolare sulle situazioni che spingono migliaia di persone ogni giorno ad abbandonare il loro paese per cercare altrove una vita migliore o in alcuni casi, semplicemente una via di sopravvivenza. È proprio quest’ultimo il caso di quei bambini che dopo le atroci sofferenze subite si trovano costretti a scappare, lasciandosi alle spalle violenze e soprusi e ritrovando un motivo per sorridere. E sono proprio quei sorrisi fotografati da Viviana Murillo, Ricardo Ramirez Arriola, Luis Eduardo Parada Contreras, Miguel Gutierrez, Tito Herrera, Santiago Escobar Jaramillo, Encarni Pindado, Daniele Volpe e Regina De La Portilla a raccontare tutto questo, viaggiando, scattando ma soprattutto osservando realtà che sembrano lontane anni luce da noi eppure sono lì fuori, da qualche parte. Sorrisi che parlano di speranza ma anche di fuga, sofferenza e paura. Le fotografie del progetto promosso e sostenuto dall’UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) ambientate in Honduras, Messico, Venezuela, Colombia, Ecuador e Guatemala sono esposte dal 30 Settembre 2017 al 12 Novembre al Museo delle Mura a Roma perciò presto, resta ancora poco tempo!
Ma passiamo adesso alla scultura che durante questi mesi merita particolare attenzione, poiché nella Galleria Borghese, che ospita già alcuni dei capolavori del grande Gian Lorenzo Bernini, per tre mesi circa accoglierà altri celebri lavori dell’artista che varieranno dalla produzione pittorica a quella scultorea, ripercorrendo tutte le fasi salienti della sua fiorente produzione artistica. Le opere, divise in otto sezioni curate ognuna da singoli esperti, provenienti da tutto il mondo (Stati Uniti, Germania, Canada, Francia), saranno visitabili a pagamento tra il 1 Novembre del 2017 e il 4 Febbraio del 2018, perciò per chiunque voglia godersi dal vivo un complesso di composizioni artistiche che non si ha l’occasione di ammirare tutti i giorni, il consiglio è quello di affrettarvi!

-Ilaria Muollo.