, ,

Questione Ambientale

La questione ambientale ad oggi è un tema di scarso interesse per l’opinione pubblica e per i mass media, eppure è  arrivato il momento che il futuro del nostro pianeta ci inizi a interessare e a preoccupare. Il surriscaldamento globale, il consumo di plastica, sono problemi che ci riguardano direttamente, non abbiamo più scuse.

Negli ultimi anni vari paesi del mondo hanno cominciato a muoversi in direzione di un futuro più sostenibile per noi e il nostro pianeta. Il 25 settembre 2015 l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha approvato l’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile e i relativi 17 obiettivi da raggiungere entro il 2030. È stato espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, non solo sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale. In questo modo, ed è questo il carattere fortemente innovativo dell’Agenda, viene definitivamente superata l’idea che la sostenibilità sia unicamente una questione ambientale e si afferma una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo;

“Quest’Agenda è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità. Essa persegue inoltre il rafforzamento della pace universale in una maggiore libertà. Riconosciamo che sradicare la povertà in tutte le sue forme e dimensioni, inclusa la povertà estrema, è la più grande sfida globale ed un requisito indispensabile per lo sviluppo sostenibile.

 

Tutti i paesi e tutte le parti in causa, agendo in associazione collaborativa, implementeranno questo programma. Siamo decisi a liberare la razza umana dalla tirannia della povertà e vogliamo curare e salvaguardare il nostro pianeta. Siamo determinati a fare i passi audaci e trasformativi che sono urgentemente necessari per portare il mondo sulla strada della sostenibilità e della resilienza. Nell’intraprendere questo viaggio collettivo, promettiamo che nessuno verrà trascurato.

 

I 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile e i 169 traguardi che annunceremo oggi dimostrano la dimensione e l’ambizione di questa nuova Agenda universale. Essi si basano sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e mirano a completare ciò che questi non sono riusciti a realizzare. Essi mirano a realizzare pienamente i diritti umani di tutti e a raggiungere l’uguaglianza di genere e l’emancipazione di tutte le donne e le ragazze. Essi sono interconnessi e indivisibili e bilanciano le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: la dimensione economica, sociale ed ambientale.”

 

Tutti i paesi e tutte le componenti della società sono chiamati a contribuire allo sforzo, questo è stato l’invito dell’Onu nel 2015, ad esempio in tema esclusivamente ambientale: rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili; garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo; adottare misure urgenti per combattere i cambiamenti climatici e le sue conseguenze; conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile; proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestire in maniera sostenibile le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica;

Un passo successivo all’Agenda Globale per lo Sviluppo è stato compiuto alla Conferenza sul Clima di Parigi (COP21) del dicembre 2015, dove 195 paesi hanno adottato il primo accordo universale e giuridicamente vincolante sul clima mondiale. Si sono impegnati a mantenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi e compiere sforzi per mantenerlo entro 1,5 al fine di evitare il peggiore degli scenari futuri possibili.

Dal 2015 al 2018 l’ASVIS (Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile) stila dei Rapporti che rappresentano la pubblicazione principale dell’Alleanza per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile in Italia, oltre a fornire aggiornamenti sull’impegno della comunità internazionale per l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’Onu.

A ottobre di quest’anno la commissione Onu IPCC (Intergovernal Panel on Climate Change) si è riunita in via straordinaria e ha redatto un rapporto scientifico, consegnato ai decisori politici, elencando le conseguenze previste dei cambiamenti climatici e delle direttive di indirizzo politico. Per limitare il riscaldamento globale entro la fine del secolo a +1,5 gradi dai livelli pre-industriali è necessario assumere misure senza precedenti. Oggi l’aumento delle temperature è arrivato a +1 grado rispetto a metà Ottocento. Procedendo di questo passo il limite di +1,5 °C sarà raggiunto tra il 2030 e il 2052. Quindi rimangono solo pochi anni, una decina nello scenario peggiore, per agire. L’IPCC inoltre prevede un innalzamento dei mari “da 0,26 a 0,77 metri al 2100 per un riscaldamento a +1,5 gradi”. Questo vorrebbe dire che se non invertiamo la rotta nel 2100 le temperature potranno salire a +3 con conseguente aumento della siccità e delle alluvioni, miseria e carestie, estinzione di specie, diffusione di malattie, innalzamento dei mari, sparizione di isole e centri costieri. Mantenere il riscaldamento al livello più basso previsto dall’accordo di Parigi eviterà l’acidificazione degli oceani e la riduzione dell’ossigenazione. Secondo altri studi scientifici entro il 2030 il 47% della popolazione mondiale avrà problemi di scarsità di acqua e miliardi di persone saranno costrette a migrare.

Il prossimo impegno internazionale sul tema sarà la COP24 di Katowice in Polonia, dal 3 al 14 dicembre di quest’anno. L’obiettivo di questa conferenza è rivedere le cosiddette Ndc (Nationally determined contribution), le promesse avanzate dai governi di tutto il mondo in materia di riduzione delle emissioni di CO2.

Di fronte a questi problemi oggi la politica si è mossa, l’Unione Europea rimane l’unica organizzazione internazionale all’avanguardia in tutela di ambiente. Proprio all’interno di essa di recente si sono visti buoni risultati con i Verdi in Baviera e in Olanda. Questi due esempi servano da auspicio per un cambiamento radicale in tutta Europa e nel Mondo, nonostante le resistenze di paesi come Australia e Stati Uniti.

Per le prossime elezioni europee c’è la volontà di costruire “un’onda verde” che possa arginare le forze nazionaliste e populiste, portando avanti un tema universale da cui oggi tutta la politica deve ripartire. Anche in Italia la politica (la sinistra in particolare) dovrebbe ripartire da questo tema, portare avanti questa battaglia per cambiare il paradigma socio-economico attuale e sovvertire i dogmi del liberismo sfrenato che stanno distruggendo il mondo, questo sarebbe il vero cambiamento e la vera rivoluzione.

Cambiare si può, sta a noi, sta a ogni singolo individuo della società civile fare il suo dovere. É finito il tempo per la politica fatta di interessi e tornaconti, serve che la politica cominci a guardare nel lungo periodo, superando le barriere ideologiche e assumendo come tema universale la tutela dell’ambiente.

 

-Luca Franceschetti

2 commenti
  1. J.D. Guerrazzi
    J.D. Guerrazzi dice:

    Bravissimo Luca
    Ma non dimenticarti che il cittadino medio riesce solo a salvare consciamente tre persone e non l’intera umanità… Ma la fiducia é l’ultima a morire.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *