,

Giuliana Soscia Indo Jazz Project – Celebrazioni per i 70 anni di Relazioni diplomatiche fra Italia e India

Lo scorso 12 marzo CulturArte ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione degli eventi culturali che, in occasione della celebrazione dei 70 anni di relazioni diplomatiche tra il nostro Paese e l’India, si svolgeranno nelle prossime settimane sia nella capitale che in altre città italiane. L’Ambasciata della Repubblica indiana a Roma ha infatti lanciato un progetto dal titolo 1948-2018: Celebrating the future, che ha come obiettivo quello di omaggiare il passato e, si spera, il futuro di amicizia tra i due popoli tramite programmi culturali, esposizioni, conferenze ed eventi commerciali; la cultura si affianca così alla diplomazia, per celebrarla.

In queste molteplici manifestazioni la musica giocherà assolutamente un ruolo da protagonista; il prossimo lunedì 19 marzo presso l’Auditorium Parco della Musica a Roma andrà in scena il concerto Giuliana Soscia Indo jazz project, promosso dall’Ambasciata indiana e dall’ISMEO (Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente) e ideato proprio dalla stessa Giuliana Soscia, compositrice, direttrice d’orchestra, pianista e fisarmonicista già presente in alcuni progetti a tema indiano. L’intenzione alla base del concerto — e dell’intero progetto — è quella di festeggiare le relazioni diplomatiche tra Italia e India grazie al potere unificante della musica e, dunque, tramite la congiunzione tra i due mondi musicali che contraddistinguono ciascuno dei paesi. Si avrà quindi modo di sperimentare una combinazione tra forme musicali e atmosfere indiane e occidentali; un connubio plasmato dalla compositrice grazie “all’inserimento delle modalità, dei ritmi e delle melodie della musica classica indiana in un contesto occidentale”, raggiunto tramite l’improvvisazione e grazie ai ritmi tipici del jazz, che si vanno a unire armoniosamente alla musica classica indiana e italiana.

Sul palco dell’Auditorium Giuliana Soscia dirigerà artisti appartenenti a entrambe le culture e provenienti tanto dal mondo jazz quanto da quello classico: tra di essi, special guest sarà Mario Marzi, uno tra i migliori sassofonisti italiani, conosciuto a livello mondiale; con lui Paolo Innarella, Rohan Dasgupta, Senjay Kansa Banik e Marco de Tilla.

-Serena Di Luccio.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *