,

2(4)K17

Il futuro dell’immagine è decisamente in 4K, per l’immaginario invece c’è da attendere.

Nel secolo della globalizzazione e della prepotente ascesa tecnologica nelle nostre vite, ogni cosa diviene la versione migliore di se stessa, tutto intorno a noi è il 2.0 del suo vecchio volto, incluso l’occhio umano.
Con lo sguardo già rivolto alla neonata tecnologia “Nano Cell Display” che offrirà ai nostri televisori colori straordinari e precisi da qualsiasi prospettiva e angolo di osservazione, tiriamo le somme di questo uscente 2017 e della sua preannunciata rivoluzione visiva: la nuova frontiera dell’immagine, il 4K. Uno standard per la risoluzione della televisione digitale, del cinema digitale e della computer grafica, il cui nome deriva da 4kilo (“4 mila”), che indica l’approssimazione dei suoi circa quattromila pixel orizzontali di risoluzione. Denominata anche “Ultra HD” (esclusivamente in ambito televisivo) quest’evoluzione dell’Alta Definizione, nasce in realtà già nei primi anni duemila in ambito puramente cinematografico (la prima cinepresa commerciale digitale in 4K, lanciata sul mercato nel 2006, è dell’azienda “Dalsa Origin”; seguiranno poi i prototipi della “Sony”) e la sua ascesa si protrae sempre più nel nuovo millennio. Non fermandosi al limitante grande schermo, questo nuovo standard della risoluzione grafica man mano approda prima sui display dei nostri computer e televisori, poi su quelli dei nostri smart-phone. Nel 2016 è la “Samsung” con il suo “Galaxy S7” una delle prime aziende a montare uno schermo atto a leggere la risoluzione in 4K, seguita a ruota dalla “Sony” che con il suo “Xperia Z5” tenta la strada (per alcuni versi fallimentare) dello schermo generato direttamente in 4K, non solo abilitato a questo tipo di definizione. Ad oggi, autunno 2017, il boom definitivo di questa leccornia tecnologica sul mercato è già avvenuto a inizio anno e non rappresenta ormai nulla di così sconvolgente: ci stiamo abituando (ci siamo già abituati) ad avere una percezione dell’immagine, di qualunque tipo essa sia, quasi al massimo della sua potenzialità.
Cosa significhi poi nel concreto poter godere di questo tipo di immagine è presto detto: se ad esempio guardassimo un documentario sulle antilopi prodotto in 4K, su un dispositivo atto a questo tipo di risoluzione ovviamente, l’immagine di quegli animali sarebbe assai poco differente (fatta eccezione per il fattore tridimensionalità s’intende) da quella che il nostro occhio percepirebbe se ce ne andassimo in Sudafrica ad osservarli dal vivo; fatte le dovute distinzioni, si parla infatti del 75% di fedeltà alla realtà registrata dall’occhio umano.
Detta così l’innovazione può sembrare in realtà quasi sciocca o scontata, del resto siamo così abituati a credere fedelmente a ciò che vediamo sullo schermo che non ci siamo forse mai soffermati a pensare a cosa sarebbe successo se davvero avessimo sempre potuto ammirare attori, personaggi televisivi e in generale chiunque sui nostri schermi, per ciò che realmente è. Dunque quella patina magica, quello schermo che ci ha sempre diviso crudelmente dal mondo che più idolatriamo, sta definitivamente cambiando faccia e a noi la cosa sembra scivolare addosso. Il panorama all’orizzonte si prospetta quantomeno innovativo e al limite dell’aspettativa che chiunque di noi avrebbe avuto a inizio secolo, quando si assaporava da non molto l’avvento dell’HDTV, e noi accogliamo la cosa passivamente, senza farci troppe domande, senza neanche chiederci se abbiamo davvero bisogno di un 75% di realtà quando guardiamo la TV o quando siamo al cinema.
Davvero vogliamo distinguere ogni minima imperfezione sul volto di un attore? Siamo così sicuri che i dettagli migliori debbano esserci sbattuti sotto il naso?
La verità è che la risoluzione in 4K ci offre un cinema ed una TV che lasciano ben poco all’immaginazione e al mistero di un volto, di un paesaggio, di un colore, di un’imperfezione. Liz Taylor ad esempio, divenuta famosa con l’appellativo di “diva dagli occhi viola”, avrebbe davvero avuto gli occhi viola in 4K?
Molto improbabile dal momento che i suoi occhi sembra fossero in realtà di un azzurro molto intenso che a causa delle luci di scena mostrò più volte sfumature violacee. Il sensualissimo neo sulla guancia sinistra di Marilyn Monroe sarebbe risultato ugualmente sensuale in 4K? Altrettanto improbabile anche questo, piuttosto invece si sarebbe palesato come il banalissimo puntino disegnato con una comune matita nera da make-up che in realtà era. L’interpretazione magistrale ed iconica di Marlon Brando ne “Il padrino” sarebbe stata ugualmente incorniciata da un aspetto insieme rude e fine e da una perfetta mascella da “mastino” (frutto di due batuffoli di ovatta nelle guance) se le tre ore di trucco alle quali ogni giorno il maestro si sottoponeva fossero state visibili in 4K? Indubbiamente ogni cosa è figlia del suo tempo e ad oggi il make-up di scena è un’arte, una scienza quasi esatta capace di sfuggire anche alla risoluzione più avanzata e, in ogni caso, dove non arriva il trucco subentra la computer grafica. Tuttavia l’autenticità di un volto della TV o del grande schermo non è e non sarà mai proporzionale a quanto esso venga manipolato o al contrario messo a nudo. La bellezza di un paesaggio a volte risiede nel dettaglio invisibile, sfocato, quello che fa ipotizzare, quello che fa sognare. Cerchiamo la realtà, la perfezione, la nitidezza d’immagine ma siamo così sicuri che questo apporti reali migliorie anche al nostro occhio critico e oltre che a quello fisico? Essendo questa la generazione dell’estetica ossessivo compulsiva oltre che della sempre crescente evoluzione tecnologica, vogliamo davvero mettere la mano sul fuoco sul fatto che il 75% di realtà effettiva di un volto sullo schermo non ci distrarrà per nulla dall’anima che si cela o non si cela affatto dietro quel volto? Se davvero poi arrivassimo al punto in cui tutti i dispositivi (grandi e piccoli schermi) e non più solo alcuni, supportassero la risoluzione in 4K e film e programmi TV iniziassero dunque ad essere generati tutti secondo questo standard, avremmo ancora attori ‘brutti’ e conduttrici televisive ‘imperfette’? In quelle circostanze sarebbe concesso ad esempio all’immensa Anna Magnani di portare le sue meravigliose rughe davanti ad una cinepresa non più troppo gentile ma quanto mai reale e spietata? Del resto una volta alzato il tiro, una volta adattato uno standard, vanno adattati anche i restanti canoni. Con queste premesse non mi stupirebbe perciò non vedere più perfette imperfezioni alla Anna Magnani ma solo volti a prova di 4K. Non mi stupirebbe andare al cinema con i miei amici e vedere un film la cui trama e i cui attori inespressivi e dozzinali non riuscirebbero ad urtare neanche la sfera emotiva di un bradipo, scoprendo poi che lo stesso film viene premiato però per la fotografia e gli effetti speciali. Non mi stupirebbe affatto scoprire che il futuro sugli schermi è fatto solo da ciò che essi trasmettono, l’immagine (sciocco chi si era illuso che fosse altrettanto importante una certa qual anima), e questo è più che spaventoso.
Questo mio non stupirmi più di tutto ciò, questo nostro trovare normale tutto ciò, è terrificante.

Troppo amarcord e decisamente troppo pessimismo forse, non saprei dire. Nel dubbio non ci resta che stare a guardare la storia che fa il suo corso e non smettere in ogni caso di ricercare l’evoluzione che ci ha sempre (o almeno quasi sempre) contraddistinti.

-Margherita Cignitti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *